Pubblicato in: B&B Night & Day a Cosenza, B&B vicino al centro di Cosenza, B&B vicino Mab, B&B vicino stadio Gigi Marulla, B&B vicino Stadio San Vito di Cosenza, Bed and breakfast a Cosenza, bed and breakfast vicino Mab, Bed and Breakfast vicino Stadio di Cosenza, Eventi a Cosenza, Percorsi turistici a Cosenza, Soggiornare a Cosenza, Turismo a Cosenza, Viaggio a Cosenza

Mab di Cosenza: passeggiare e fare shopping in un museo

Mab cosenza testa di cariatide di modigliani

Il Mab, (Museo all’Aperto Bilotti), incuriosisce, incanta e stupisce i turisti che sono alla ricerca di un’esperienza unica, in un contesto al contempo artistico e commerciale. Non è raro imbattersi in riflessioni che rimarcano questa peculiarità, tra stupore e ammirazione. Pierluigi Zanata, su Trip Advisor scrive: “Non è usuale passeggiare e fare shopping in un museo. A Cosenza si può. Il Corso Mazzini cuore della vita commerciale della città è possibile fare acquisti nei migliori negozi della città e allo stessi tempo lustrarsi gli occhi con opere di Modigliani, Dalì, Manzù, Greco, Rotella, Sosno. La passeggiata e il Museo Bilotti all’ aperto (Mab) cominciano dall’ avveniristica piazza Carlo Bilotti (un mecenate cosentino che ha donato la sua collezione alla città) e si concludono a piazza dei Bruzi.” Non è però l’unico ad esprimersi in tal senso. Leone998, ad esempio dice: “Passeggiare e fare shopping tra le opere d’arte di De Chirico, Mimmo Rotella, Salvador Dalì, Modigliani, Sosno etc. vi pare cosa da poco? Corso Mazzini, isola pedonale dallo splendido scenario che termina da un lato con il museo multimediale nella moderna Piazza Bilotti e dall’altra ad un passo dal centro storico e dal più alto Ponte di Calatrava d’Europa.”  Entusiasta anche Frankibull: “Ottimo posto dove poter passeggiare,incontrare gente e ammirare queste opere molto particolari. Il centro di Cosenza,la mitica corso Mazzini e la mitica piazza Fera (oggi Piazza Bilotti),sono un vero museo all’aperto che rendono il centro di Cosenza, uno dei migliori in assoluto della Calabria se non il migliore!!” Anche i turisti stranieri sembrano apprezzare il Mab. Violetta Strelkova scrive:”Очень понравилось гулять по Corso Mazini, дочке маленькой очень понравилось. А когда вечером выходят уличные музыканты, становится вообще волшебно, можно пить кофе, слушать музыку и наслаждаться городом (Mi è piaciuto molto passeggiare per Corso Mazzini insieme alla mia bambina, mi è davvero piaciuta. E quando i musicisti di strada escono di sera, diventa magico in generale, puoi bere un caffè, ascoltare musica e goderti la città)”. Il B&B Night & Day, posto a soli 10 minuti, a piedi, dal Mab è una struttura ricettiva dotata di tutti i comfort e situata in una zona particolarmente comoda per ciò che attiene la possibilità di parcheggio. Nella zona dello Stadio San Vito – Gigi Marulla, infatti, si trova facilmente parcheggio a tutte le ore e non esistono strisce blu. Inoltre, soggiornare presso il B&B Night & Day di Cosenza è rilassante poiché, pur essendo a solo 1 chilometro dal centro città, sorge nel cuore della cosiddetta “Cittadella dello Sport”, un quartiere estremamente silenzioso e tranquillo, caratteristiche importanti al fine di poter godere di un buon sonno ristoratore. Scegliere di soggiornare presso il B&B Night & Day di Cosenza può rivelarsi una scelta strategicamente azzeccata al fine di allontanare i fastidi e lo stress derivanti dalla ricerca del parcheggio in centro, cosa quantomai difficoltosa nella città di Cosenza, a causa dell’elevatissimo volume di traffico, del numero esorbitante di ZTL e dell’elevatissimo numero di vie dotate di strisce blu che, ovviamente hanno un costo abbastanza elevato che, attualmente, si attesta intorno a 1,20 € l’ora. Soggiornare a un solo chilometro dal centro città offre dunque innumerevoli vantaggi, di ordine economico, ma anche inerenti la qualità stessa del viaggio, limitando eventi stressanti. Visitare il Mab soggiornando presso il B&B Night & Day di Cosenza è dunque, pratico, comodo e conveniente. Per prenotare una camera presso la nostra struttura telefonate al +39 3278517000 e vi forniremo tutta l’assistenza necessaria alla fruizione di un soggiorno divertente, rilassante e confortevole.

Pubblicato in: B&B Night & Day a Cosenza, Bed and breakfast a Cosenza, Bed and breakfast vicino stazione dei treni a Cosenza, Bed and Breakfast vicino stazione di Vaglio Lise, Eventi a Cosenza, Percorsi turistici a Cosenza, Soggiornare a Cosenza, Treno della Sila, Turismo a Cosenza

Il 19 Febbraio ritorna il Treno della Sila con un nuovo itinerario della neve

Treno della Sila itinerario della neve 19 Febbraio 2017L’assessorato al turismo del Comune di Spezzano della Sila, in concerto con il Sindaco e l’Amministrazione tutta, consapevole della forte attrattività turistica del Treno della Sila è lieta di instaurare una collaborazione con Ferrovie della Calabria e l’Associazione Ferrovie in Calabria per l’organizzazione di treni turistici speciali con itinerari tematici ben definiti. A tale proposito, il prossimo 19 febbraio sarà organizzato un treno storico con trazione a vapore con il tema itinerario della neve che consentirà ai turisti che parteciperanno all’evento di visitare il paesaggio ma anche di degustare le eccellenze enogastronomiche del nostro territorio. Il treno percorrerà la tratta da Camigliatello Silano a San Nicola-Silvana Mansio durante la quale i turisti faranno esperienze uniche dal punto di vista sensoriale.
Infatti, durante il tragitto i visitatori, oltre ad ammirare gli incantevoli paesaggi silani, potranno degustare le eccellenze enogastronomiche del nostro territorio offerte dalle imprese facenti parte della rete Silautentica, allietati dalle musiche della fisarmonica e della chitarra dei maestri Nicola e Felice Pianelli.
Infine, dopo il pranzo nei ristoranti convenzionati si proseguirà con le attività ludico/sportive sulla neve a cura del maestro di Nordic walking Luigi Carravetta.
La promozione storico-culturale, paesaggistica ed enogastronomica del nostro territorio va in linea con il Disegno di Legge n.1189 recentemente approvato dalla Camera dei Deputati e dedicato alla regolamentazione delle Ferrovie Turistiche. L’auspicio è, pertanto, quello di completare al più presto la tratta del treno per tutta la linea turistica Silana (fino a San Giovanni in Fiore) e di ripristinare il collegamento anche da Cosenza.

Nello specifico, il programma sarà il seguente:

– Ore 10.30: ritrovo viaggiatori e check in presso stazione ferroviaria FC di Camigliatello Silano;
– Ore 11.00: partenza treno a vapore da Camigliatello per S. Nicola – Silvana Mansio;
– Ore 12.00: arrivo a previsto alla stazione di S. Nicola – Silvana Mansio, dopo aver effettuato soste lungo la linea con degustazione di prodotti tipici; manovre del convoglio in stazione;
– Ore 12.30: trasferimento in autobus dei gruppi presso ristorante convenzionato per pranzo (su richiesta, previa prenotazione);
– Ore 14.30: avvio attitivà ludico-ricreative sulla neve (Escursione/trekking/passeggiata);
– Ore 16.30: ripartenza dalla stazione di S. Nicola – Silvana Mansio verso Camigliatello Silano in treno a vapore;
– Ore 17.00: arrivo previsto a Camigliatello.

Possibilità transfert da Cosenza a Camigliatello Silano (e viceversa) con autobus dedicato delle Ferrovie della Calabria al costo di 4,60€ (richiesta prenotazione. Andata: partenza ore 9.20 p.za Matteotti – Stazione FC Cosenza Centro; 9.55 dalla stazione ferroviaria di Cosenza Vaglio Lise, in coincidenza con treno da Paola; ritorno: partenza da Camigliatello Silano ore 17.15, arrivo a Cosenza ore 18.15).

Possibilità di raggiungere Cosenza Vaglio Lise in treno da Paola e dal Tirreno (con prosecuzione in bus dedicato da Cosenza stazione FS a Camigliatello Silano e ritorno):
– per chi proviene da Reggio Calabria e località a sud di Paola, con treno regionale 3680/3683 proveniente da Melito Porto Salvo e in arrivo a Cosenza alle ore 9.49 SENZA CAMBIO A PAOLA.
– per chi proviene dall’Alto Tirreno Cosentino, con treno regionale 3449 proveniente da Salerno + Regionale 3683 da Paola a Cosenza;

Per il rientro serale, partenza da Cosenza alle ore 19.00 con treno regionale 2436. Per raggiungere località a sud di Paola sarà possibile usufruire, da Paola, del treno Intercity 555 diretto a Reggio Calabria con fermate ad Amantea, Lamezia Terme Centrale, Vibo-Pizzo, Rosarno, Gioia Tauro, Villa S.G. e Reggio Calabria. Per raggiungere località a nord di Paola (Alto Tirreno Cosentino) sarà possibile usufruire dello stesso treno regionale da Cosenza SENZA CAMBIO A PAOLA e diretto a Napoli Centrale con fermate in quasi tutte le stazioni.

Comunicare in anticipo se si intende arrivare in treno, in modo da garantire l’attesa dei viaggiatori da parte del bus per Camigliatello Silano (entro 15 minuti di ritardo del treno, non si garantisce l’attesa per ritardi superiori).

MODALITA’ DI CONFERMA PRENOTAZIONE:

E’ necessario contattare l’organizzazione dell’evento nelle seguenti modalità:

Telefono: 328.3466150 – 347.1054825 – 320.2764062
e-mailinfo@ferrovieincalabria.it
Facebookwww.facebook.com/ferrovieincalabria

———————–

Il B&B Night & Day di Cosenza è ad appena 3 minuti d’auto dalla Stazione dei treni di Vaglio Lise.

Prenota ora la tua camera per garantirti un piacevole soggiorno a Cosenza in concomitanza dell’evento denominato “Treno della Sila – Itinerario della neve”.

Scopri Cosenza e la Sila in un colpo solo!

Per info e prenotazioni delle camere presso la nostra struttura, ubicata in via Milone 15 a Cosenza, telefonate al 327 8517000

Pubblicato in: B&B Night & Day a Cosenza, B&B vicino stadio Gigi Marulla, Bed and breakfast a Cosenza, Eventi a Cosenza, Eventi allo stadio Gigi Marulla, Percorsi turistici a Cosenza, Re Alarico, Soggiornare a Cosenza, Turismo a Cosenza

Alarico a cavallo, tra Crati e Busento il mito rivive

Alarico, Re dei Visigoti, sempre più icona e simbolo della città di Cosenza, ha da poco una sua statua, denominata “Alarico a cavallo”, che è stata collocata dall’amministrazione comunale, presso la confluenza dei fiumi Crati e Busento, leggendaria sede della tomba in cui si narra sia sepolto Alarico insieme ai suoi inestimabili tesori, frutto principalmente del colossale sacco di Roma. La nuova attrazione turistica, voluta fortemente dal sindaco Mario Occhiuto, mira a completare una sorta di itinerario volto a ripercorrere non solo le gesta di Alarico quanto a renderlo fulcro centrale di una strategia turistica della quale, la città dei Bruzi, pare stia traendo indubbi benefici. Cosenza si conferma città del turismo, anche nell’attesa che la sua candidatura a Capitale della Cultura 2018 venga confermata. Soprattutto dopo il tam tam mediatico legato all’operazione Tesoro di Alarico rimbalzato sulle testate di tutto il mondo, dalla BBC al Telegraph. Una copertura che ha suscitato la curiosità degli stranieri, e non solo, che raggiungono il capoluogo bruzio per seguire le tracce della leggendaria tomba del re dei visigoti che, dopo oltre 1500 anni, è ancora capace di affascinare e attrarre. È grazie proprio ad Alarico – oltre che all’abate Gioacchino da Fiore – se Cosenza, capoluogo di provincia calabrese, viene menzionata nei libri di storia internazionale.

Per prenotare una camera presso il B & B Night & Day di Cosenza telefona al 327 85 17 000.

Pubblicato in: Anfiteatro Vincenzo Tieri di Castrolibero, B&B Night & Day a Cosenza, B&B vicino stadio Gigi Marulla, Bed and breakfast a Cosenza, Chi è di scena rassegna anfiteatro Tieri, Eventi a Castrolibero

Chi è di scena 2016

Chi e di scena 2016 a castrolibero cosenza anfiteatro vincenzo tieriLa rassegna denominata “Chi è di scena” nella nuova edizione 2016 ci regala spettacoli di grande interesse. Anche quest’anno la città di Castrolibero ed in particolare l’Anfiteatro Vincenzo Tieri accoglieranno artisti di primaria grandezza. Dopo Donatella Rettore, protagonista di una serata indimenticabile impreziosita da musica di qualità, il 30 agosto andranno in scena due ballerini già noti al grande pubblico, Raimondo Todaro e Francesca Tocca, freschi e pimpanti protagonisti della commedia musicale scritta da Salvatore Giordano “Il Grande Gershwin” liberamente ispirata alla vita del grande compositore statunitense George Gershwin, autore di indimenticabili successi degli anni ’20 e ‘30 quali “Un americano a Parigi“, “Rapsody in Blue“, “Summertime” e l’opera “Porgy and Bess“. Da molti considerato il padre del musical a stelle e strisce Gershwin compose innumerevoli brani utilizzati sia nei film che in televisione, e molti sono diventati dei classici jazz immortali, registrati in numerose varianti. Il 2 settembre alle ore 21:00, invece, si ride con la simpatica commedia “Talk & Show, una lunga storia d’attore” con il mitico Gianfranco D’Angelo e il talentuoso Demo Mura. La trama è brillante e divertente, esattamente come i protagonisti di questa gustosa commedia sospesa a metà tra passato e presente. Si parla dell’incontro tra due artisti di generazioni diverse ma che rivivono, sullo stesso palco, la loro “Lunga storia d’Attore”. Gianfranco D’Angelo e Demo Mura, si alternano in scena contemporaneamente, come conduttori, comici, spalla, complici l’uno dell’altro, interagendo però con il pubblico, che si sente partecipe a tal punto, da trasformare la coppia in un trio. Infine, il 5 settembre sarà la volta di Pippo Franco, meraviglioso protagonista della commedia “Brancaleone e la sua Armata, il lato tragicomico dell’esistenza umana”. La commedia racconta di Brancaleone che, di ritorno dalla Terra Santa dove ha combattuto quella che lui definisce la sua ultima battaglia, chiede ospitalità ad un clerico eremita, uomo colto ed esperto cerusico al servizio del Vescovo di Trani”. Una settimana tutta da gustare e da vivere all’insegna della spensieratezza e del buonumore. Anche quest’anno “Chi è di scena” mantiene le promesse e, di anno in anno, migliora un cartellone sempre ricco di eventi di grande qualità.

Per goderti gli spettacoli regalandoti momenti di relax, programma un soggiorno presso il B&B Night & Day di Cosenza situato a pochi passi dall’Anfiteatro Vincenzo Tieri di Castrolibero.

Per info e prenotazioni telefonare al 327 8517000

Pubblicato in: B&B Night & Day a Cosenza, B&B vicino stadio Gigi Marulla, Bed and breakfast a Cosenza, Eventi a Cosenza, Percorsi turistici a Cosenza, Soggiornare a Cosenza, Turismo a Cosenza

Cosenza la Dotta potrebbe essere Capitale Italiana della Cultura 2018

Cosenza al tramontoChi la volle fondata dal figlio d’Ercole Brezio, il Barrio ne assegnò il merito agli Enotri, Gregorio De Lauro agli schiavi dei Lucani, certo è che la teoria più accreditata resta, a tuttoggi, quella del geografo greco Strabone secondo la quale Cosenza ebbe origine nel IV secolo a.C. ad opera dei Brettii (i romani li ribattezzarono, in seguito, Bruzi), un popolo di rozzi pastori che viveva intorno alle foreste della Sila. Accresciutisi per le continue immigrazioni di altre genti, essi fondarono una capitale dei vari popoli confederati. La città nata da quel consenso fu chiamata, appunto, Consentia. Senza soffermarci troppo sulle varie dominazioni, guerre e guerriglie che contraddistinsero la storia della città, poniamo l’accento sul periodo forse più lungo ed oscuro che visse Cosenza, come, del resto, tutto il Regno di Napoli, a partire dal XVI secolo, contraddistinto dalla dominazione degli Spagnoli. Cosenza decadde dal punto di vista economico e politico, ma grazie all’umanista Aulo Giano Parrasio si risollevò dal punto di vista culturale. Nel 1511 venne istituita l’Accademia che, centro di studi classici, riunì la migliore intellettualità della provincia, da Galeazzo di Tarsia ai fratelli Bernardino e Coriolano Martirano. Nel 1535 Carlo V, di ritorno dalla spedizione di Algeri, soggiornò a Cosenza, accolto dal Sindaco dei Nobili don Ferrante Bernaudo. Le solenni accoglienze prestate all’imperatore attestarono la viva presenza di architetti, pittori e umanisti locali. Erano infatti gli anni in cui le maestranze della Valle del Crati sperimentavano le loro capacità artistiche nei quartieri patrizi dei Padolisi e della Giostra Vecchia. Nel 1586 iniziò a diffondersi il pensiero innovatore di Bernardino Telesio che, nel “De rerum natura juxtapropria principia” apriva moderni orizzonti alla ricerca scientifica. L’Accademia (una delle primissime fondate in Europa), ribattezzata dal critico Sertorio Quattromani “Accademia Cosentina”, decaduta dopo la morte del proprio fondatore, fu riaperta da Telesio e da quel momento detta “Accademia Telesiana”. Alla morte del filosofo, all’Accademia dette impulso proprio il Quattromani e successivamente, nel 1591, l’arcivescovo Camillo Costanzo, da cui assunse il nome di “Accademia dei Costanti”. Nel 1649, per iniziativa dell’arcivescovo Giuseppe Sanfelice, venne fondata l’Accademia dei Negligenti che, tuttavia, si spense già nel 1660 alla morte del suo promotore. Cosenza diede illustri natali anche ad Antonio Serra, pioniere della moderna economia politica, gli scienziati Tommaso Cornelio e Marco Aurelio Severino, il teorico dell’Arcadia Gian Vincenzo Gravina. Nel 1756 venne fondata, dall’amico del Metastasio Gaetano Greco, l’Accademia dei Pescatori Cratilidi che riunì, tra gli altri, Luigi Maria Greco, Giuseppe Spiriti e Francesco Saverio Salfi.L’Accademia Cosentina riprese la propria attività nel 1895, dopo una lunga decadenza, grazie all’impulso del filosofo Bonaventura Zumbini. Negli stessi anni, Pasquale Rossi pubblicava i suoi primi studi di psicologia sociale. Nel corso del periodo fascista, la cultura non conformista spiccò grazie al giornalismo polemico di Antonio Chiappetta e umoristico di Michele De Marco finché il regime non riuscì ad imbavagliare la stampa, grazie ad una censura feroce, attorno al 1925. Nel 1979 viene emanato dal governo un decreto che designò Cosenza quale sede di una struttura nazionale bibliotecaria. Ad oggi, Cosenza, detta “La Dotta”, è tra le 21 città italiane in predicato di conquistare il prestigioso titolo di Capitale Italiana della Cultura 2018.  
Come nelle precedenti edizioni, la Capitale Italiana della Cultura 2018 riceverà dal Governo un contributo pari a un milione di euro per la realizzazione del progetto proposto. “Le esperienze finora realizzate” ha dichiarato il Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Dario Franceschini, “da quella in corso a Mantova fino alla prossima di Pistoia, dimostrano come il titolo di Capitale Italiana della Cultura sia in grado di mettere in moto un meccanismo di progettazione virtuosa e di promozione delle città, coinvolgendo tutte le realtà economiche e sociali dei territori e rafforzando il concetto di Italia museo diffuso”. Un interessante video realizzato nel 2015 dall’emittente televisiva cosentina “Ten” (che vi proponiamo in calce a questo articolo), delinea i tratti di questa meravigliosa città della cultura attraverso il racconto di illustri personaggi, figli di questa terra, quali lo storico e scrittore Coriolano Martirano, lo storico Luigi Bilotto, il Professore Leopoldo Conforti, ex docente del Liceo Classico Bernardino Telesio e l’Architetto Fulvio Terzi.


Cosenza, città della cultura. Visitala per respirarne la storia e carpirne l’essenza. Organizza un viaggio di piacere nell’accogliente scenario della città dei Bruzi. Prenota una camera nel nostro B & B e goditi un soggiorno di vero relax.

Per prenotare una camera presso il B & B Night & Day di Cosenza telefona al 327 85 17 000.

Pubblicato in: B&B Night & Day a Cosenza, B&B vicino stadio Gigi Marulla, Bed and breakfast a Cosenza, Eventi a Cosenza, Eventi allo stadio Gigi Marulla, Partite Casalinghe Cosenza Calcio, Soggiornare a Cosenza, Turismo a Cosenza

Tim Cup 2016 primo turno: Cosenza – Frattese

cosenza - frattese tim cup 2016Parte ufficialmente la nuova stagione calcistica 2016 – 2017. Il Cosenza Calcio, nel primo turno di Tim Cup, incontrerà la Frattese, gloriosa società dagli antichi trascorsi fondata nel lontano 1928. Scomparsa nel 2001 è stata rifondata nel 2012 con la denominazione “Associazione Sportiva Dilettantistica Nerostellati Frattese”. La gara, in programma nella serata di Domenica 31 luglio 2016 presso lo stadio Gigi Marulla (già San Vito) di Cosenza rappresenterà la prima occasione per visionare da vicino il nuovo ed ambizioso Cosenza allestito da Cerri e Roselli. Il B&B Night & Day, inoltre, per i residenti in quel di Frattamaggiore che seguiranno la propria squadra del cuore fino a Cosenza, eccezionalmente, applicherà uno sconto del 10% sul normale prezzo di listino. Cosenza – Frattese vedrà di fronte due realtà calcistiche figlie di piazze importanti e calorosissime. Il Cosenza, reduce da un buon campionato di Lega Pro chiuso al quinto posto avrà modo di farsi trovare pronto al cospetto di una Frattese ottima seconda nello scorso campionato di serie D girone I, notoriamente uno dei più duri e competitivi tra i gironi della massima espressione dilettantistica nazionale. La Frattese, nel corso della sua storia, vanta la conquista di un campionato di serie D nella stagione 1979 – 1980. La storia della Frattese ci riserva delle sorprese. Dal sito ufficiale della società Frattese Calcio apprendiamo che nel lontano 1945 “il campo della Frattese divenne il luogo preferito di allenamento del giovedì per le squadre del nord di serie A e B, che si recavano al Sud per gli incontri di campionato della domenica. I nerostellati ospitarono in partite amichevoli squadroni come la Juventus, il Milan, il Livorno e il Lecce. La Juventus fu battuta per 1-0, segnò per la Frattese nel primo tempo Cocò Nicolosi. Il Giornale Sportivo del 1946 cosi ricordava l’avvenimento: Nicolosi fu imbeccato alla perfezione da Esposito, ex stabiese, segnava a volo un goal di rara potenza, senza che Sentimenti potesse intervenire. La partita fu arbitrata da Minieri di Torre Annunziata, alla presenza di circa 3.000 spettatori. Nello stesso anno la Frattese ospitò il Milan, e anche questo fu sconfitto per 4-1. Segnarono nel Primo Tempo al 30° Iannucci, nel secondo tempo al 21° e al 25° Lopez, al 40° Pavesi, al 43° Carapellese per il Milan”. Ci sono tutte le premesse per godersi una splendida serata di sport all’interno dello stadio Gigi Marulla di Cosenza e, perché no, per godersi un dopo partita all’insegna del relax presso la nostra struttura. Per info e prenotazioni telefonare al 327.85.17.000