Pubblicato in: B&B Night & Day a Cosenza, Bed and breakfast a Cosenza, Eventi a Cosenza, Green Pass Europeo, Green Pass Nazionale, Passaporto sanitario

In vacanza con il Green Pass

A partire dal 1° luglio 2021, viaggiare sarà ancora più semplice grazie al certificato vaccinale, noto anche come Green Pass europeo o Digital Green Certificate. Si tratta di un documento rilasciato gratuitamente, in forma cartacea o digitale, a tutti i cittadini UE che ne hanno diritto, ovvero quelli che ricadono in queste tre categorie: 1) hanno terminato il secondo ciclo di vaccinazione (o hanno ricevuto la dose unica per quei vaccini che non prevedono richiamo, come Janssen); 2) sono guariti dal Covid o, 3) hanno eseguito un tampone con esito negativo nelle precedenti 72 ore. Chi ne è in possesso potrà spostarsi liberamente fra le regioni, indipendentemente dal colore, e in altri Paesi UE.

Sia chiaro che chi non ne è in possesso potrà comunque viaggiare ma, in alcuni Paesi europei, in assenza di Green Pass, potrebbero imporre un periodo di quarantena o chiedere di esibire i risultati negativi di un test molecolare o antigenico.

Se si rientra nei casi indicati in precedenza, sarà possibile richiedere il Green Pass attraverso la piattaforma nazionale Digital Green Certificate, DCG. Il Green Pass è un documento che riporta il nome e cognome della persona, la sua data di nascita e le informazioni relative all’avvenuta vaccinazone.

Alcuni Paesi potrebbero ridurre le restrizioni anche a chi ha ricevuto solo la prima dose del vaccino, ma questo dipende da nazione a nazione e, tendenzialmente, la validità parte da 15 giorni dopo la somministrazione della seconda dose di vaccino o 28 dalla prima, nel caso dei vaccini monodose. Se ancora non si è completato il ciclo vaccinale, il certificato indicherà l’esito del tampone, con tanto di data o certifica l’avvenuta guarigione.

Il Green Pass si può ottenere in forma cartacea, semplicemente stampandolo o scaricandolo, o in forma digitale attraverso il fascicolo sanitario elettronico o le appImmuni” ed “Io“.

Pubblicato in: B&B Night & Day a Cosenza, Bed and breakfast a Cosenza, Bed and Breakfast vicino Stadio di Cosenza, Green Pass Nazionale, Passaporto sanitario, Soggiornare a Cosenza, Turismo a Cosenza, Viaggio a Cosenza

Dal 15 maggio il green pass nazionale per entrare e muoversi in Italia

Il premier Mario Draghi ha annunciato che si potrà tornare a viaggiare in tutta Italia con un “pass verde nazionale”, in attesa che entri in vigore il green pass europeo previsto per la metà di giugno. L’obbligo di quarantena per chi entra in Italia è destinato dunque a cadere il 15 maggio, perché il ministro della Salute Roberto Speranza non rinnoverà l’attuale ordinanza.

Come funziona il green pass

Ma come funzionerà il green pass nazionale? Il pass che il governo introdurrà nelle prossime settimane sarà di fatto identico alle ‘certificazioni verdi‘, vale a dire i documenti che già ora gli italiani devono utilizzare per spostarsi per turismo tra regioni arancioni e rosse: il certificato di avvenuta vaccinazione, che vale sei mesi dalla data del completamento del ciclo vaccinale (dunque con entrambe le dosi o, nel caso di Johnson & Johnson con una sola); il certificato di avvenuta guarigione, anche questo valido sei mesi e rilasciato o dall’ospedale in cui si è stati ricoverati o dal proprio medico di base; un tampone molecolare o antigenico con esito negativo effettuato nelle 48 ore precedenti all’ingresso nel nostro paese.

La certificazione sarà anche necessaria per partecipare gli eventi sportivi o agli spettacoli nei quali sono previsti numeririlevanti di spettatori enei quali non può essere garantito il distanziamento.
I tecnici sono anche lavoro per uniformare per quanto possibile i requisiti richiesti: ad esempio il periodo di validità che l’Italia ha fissato per il suo pass nazionale in 6 mesi o la tipologia del tampone ammessa: se solo molecolare o anche antigenico.

Diversa cosa è il Pass europeo che dovrebbe entrare in funzione verso metà giugno e che ha il medesimo scopo: far ripartire i movimenti all’interno della Ue in sicurezza, soprattutto in vista dell’estate. Il meccanismo dovrebbe esser cartaceo o digitale con un’app da scaricare sullo smartphone, nella quale saranno contenute le certificazioni richieste (le stesse: vaccinazione, guarigione o test negativo). Il Parlamento europeo è al lavoro per dirimere molti nodi: primo fra tutti quello della privacy da garantire. Poi è stata avanzata la richiesta di test gratuiti per evitare discriminazione e di estendere il pass anche a Paesi extra Ue come ad esempio Israele o Svizzera.

Fonti: Il Sole 24 Ore e Quotidiano Nazionale

Pubblicato in: B&B Night & Day a Cosenza, Bed and breakfast a Cosenza, Bed and Breakfast vicino Stadio di Cosenza

Il turismo tra vaccini e pass

Una cosa per noi è certa: non c’è nemmeno un minuto da perdere, ma l’Italia ha tutte le carte in regola per risalire la china. Il turismo italiano deve arrivare pronto alla sfida dell’estate e non farsi “superare” dai rivali. Le armi sono quelle note: vaccinazioni a tutti coloro che sono a contatto con il pubblico, green pass che dimostrino l’avvenuta vaccinazione o il tampone negativo e poi basta pessimismo. È arrivato il momento di dare messaggi positivi.

Si cominciano a rivedere le prime prenotazioni per giugno e non bisogna farsi trovare
impreparati. Gli Usa, ovvero uno dei nostri mercati stranieri più forti oltre a Germania e Regno Unito, si stanno facendo avanti ma soprattutto a cominciare da settembre/ottobre prossimi. Il concetto più importante resta quello della riapertura: dopo un lungo anno fatto di chiusure non bisogna assolutamente spostare in avanti di troppo la luce in fondo al tunnel, perché, alla fine, l’imprenditore rischia di gettare la spugna. Tra zone rosse e lockdown la Pasqua è andata persa. In più abbiamo subito la beffa di essere blindati senza nemmeno poterci muovere di comune in comune, mentre per andare in vacanza alle Canarie tutto è stato concesso…

Non abbiamo nemmeno avuto il sollievo dei ponti di primavera, poiché capitati in due
domeniche normali. Quindi l’unica via è rimboccarsi le maniche e pensare subito all’estate. Di recente abbiamo anche dialogato tramite webinar mirati con i rappresentanti del Parlamento europeo; abbiamo chiesto che l’Italia spinga molto sul tema dei passaporti sanitari o green pass. I nostri diretti competitor stanno già lavorando, in particolare vediamo la Grecia molto aggressiva: hanno fatto le isole Covid free, dal 14 maggio si potrà visitarle se si ha il tampone, etc etc. E noi stiamo ancora a guardare? In realtà questo è il momento di dare segnali forti alla clientela, rassicurarla sulle vacanze nel nostro Paese, informarla su ciò che stiamo facendo per prepararci ad accoglierla. Mi arrabbio quando sento dire che “sarà un’estate senza ombrelloni” e che ci riprenderemo tra 8-15 mesi. Non bisogna assolutamente dare previsioni pessimistiche. Gli imprenditori devono essere incentivati e supportati. Non abbattuti!

Il fattore cruciale poi, a mio avviso, è la priorità nelle vaccinazioni. Hanno vaccinato
professori universitari, e avvocati. Professionisti che, in termini di precedenza, sono stati fatti passare davanti alle categorie che hanno contatto diretto con le persone e la clientela. E in questo gruppo non ci siamo solo noi con il nostro personale degli hotel, ma anche cassieri dei supermercati, camerieri dei ristoranti, personale delle pulizie di ogni tipo. Tutti lavoratori molto più esposti a eventuali contagi. I criteri di priorità per i vaccini, lasciatemi dire, devono essere più sostenibili.

Come sarà la nostra estate cominciamo a vederlo dalle prenotazioni: ne stanno arrivando da una clientela nostrana. C’è molta voglia di Italia anche tra gli stranieri, che, tuttavia, sono disorientati: non sanno ancora che cosa succederà qui riguardo i contagi e se ci sarà davvero la possibilità di programmare una vacanza nel Belpaese. Secondo me, accelerando sui vaccini, le prenotazioni anche last minute arriveranno.

Mi rassicura il fatto che questo Governo ci abbia dotato di un ministero del Turismo e
di un ministro che si sta rivelando capace e competente. Ci sembra che il dicastero sia orientato sull’opportunità di riaprire quanto prima. È quello che speriamo, perché senza programmazione non possiamo fare al meglio il nostro lavoro. Che è poi accogliere i turisti italiani e di tutto il mondo facendo anche il bene del Paese.

Articolo scritto da:

BERNABÒ BOCCA
Presidente Federalberghi

Fonte: Turismo d’Italia – La rivista dell’ospitalità (Organo ufficiale Federalberghi)

Pubblicato in: B&B vicino al centro di Cosenza, B&B vicino città dei ragazzi a Cosenza, B&B vicino stadio Gigi Marulla, B&B vicino Stadio San Vito di Cosenza, Bed and breakfast a Cosenza, Bed and Breakfast vicino Stadio di Cosenza, Eventi a Cosenza, Eventi allo stadio Gigi Marulla, Partite Casalinghe Cosenza Calcio, Percorsi turistici a Cosenza, Soggiornare a Cosenza, Turismo a Cosenza, Viaggio a Cosenza

Ristrutturato il nuovo Campo Scuola Coni di Via degli Stadi

Di fronte al B&B Night & Day di Cosenza sorgono numerosi centri sportivi che, ogni anno, ospitano importanti avvenimenti, dal campionato di calcio di serie B, dove attualmente milita il Cosenza Calcio, presso lo Stadio San Vito – Gigi Marulla, alle piscine olimpioniche, al miniautodromo per le gare di automodellismo, allo stadio del rugby, i campi da tennis, di padel e in ultimo, ma non per ultimo, il rinnovato Campo Scuola Coni di Via degli Stadi disponibile per gli atleti cosentini non appena il Covid lo permetterà, grazie ai lavori effettuati dall’Amministrazione comunale di Cosenza e finanziati dal Credito sportivo.

I lavori hanno riguardato il rifacimento della pista principale, del nuovo pistino in resina per gli amatori e delle strutture interne (come la sala stampa e gli spogliatoi realizzati in precedenza), i seggiolini sulla tribuna che fa da cornice alla pista.

Al di là dell’estetica ad alzare il livello ci penserà il sistema di automisurazione delle prestazioni. Il progetto, infatti, contempla anche l’istallazione dell’innovativo sistema di rilevamento “SmarTracks”: la pista di Cosenza è la prima nel Sud Italia che potrà usufruire di un servizio del genere. Una tecnologia che consentirà a più atleti, simultaneamente, di registrare attraverso un’app le prestazioni cronometriche. Sarà la novità che potrà essere sdoganata in questo nuovo anno e consentirà alle società di atletica che usufruiscono della pista di poter rifiatare.

La nuova pista di atletica di via degli Stadi si sposa alla perfezione con tutto ciò che sorge in quella zona. A cominciare, come dicevamo in apertura, dallo stadio “San Vito – Gigi Marulla”, soggetto di recente a restyling da parte della società Cosenza Calcio per ciò che attiene la posa dei seggiolini e dal Comune per quanto concerne altri interventi (vedi il manto erboso), per poi proseguire con i campi da tennis (in erba sintetica e terra battuta) e da padel (di nuovissima generazione) del Tc Cosenza e con la Polisportiva Real Cosenza.

La “Cittadella dello Sport” che dovrebbe essere completata poi con la realizzazione del nuovo avveniristico Stadio polifunzionale e con la pista ciclabile (già realizzata) e l’asse di verde attrezzato su Viale Magna Grecia.

Il nostro bed and breakfast si colloca in un punto nevralgico e al contempo strategico, consentendo a chiunque volesse usufruirne, di poter raggiungere comodamente a piedi qualsiasi struttura sportiva poiché siamo a soli 30 metri dalla curva sud Donato Bergamini dello Stadio Marulla. Atleti, giornalisti, arbitri, operatori di ripresa e fotografi professionisti, da sempre preferiscono la nostra struttura ricettiva per la comodissima posizione in cui è ubicata.

Alla riapertura delle attività agonistiche, post Covid, saremo lieti di ospitare chiunque volesse continuare ad usufruire dei nostri servizi.

Per info e prenotazioni delle camere

B&B Night & Day, Via Milone 15 – 87100 Cosenza

Telefono 327 85 17 000

Pubblicato in: Passaporto sanitario

Cosa è il passaporto sanitario digitale e a cosa serve

I primi vaccini anti Covid-19 sono arrivati e sono stati somministrati. Un’ottima notizia anche per il mondo dei viaggi perché infonde serenità, fiducia e offre un segnale di ripartenza dopo un anno in cui la valigia è stata riposta a lungo nell’armadio.

Ovviamente ripartire nel 2021 sarà difficile, ma una soluzione potrebbe arrivare grazie al passaporto sanitario digitale uno strumento utile per i viaggiatori e che offrirà loro l’opportunità di mostrare immediatamente chi è stato sottoposto al vaccino e tornare, quindi, a volare in totale sicurezza e senza pensieri.

Sono diverse ad oggi le realtà che stanno lavorando per rendere possibile questo progetto del passaporto sullo stato di salute dei passeggeri. Tra questi c’è IATA (International Air Transport Association) che sta progettando lo IATA Travel Pass. Come suggerisce il nome si tratta di un lasciapassare sanitario digitale che verrà reso disponibile tramite un’applicazione da scaricare sullo smartphone. Tra i principali vantaggi di questo strumento, la certezza della negatività dei passeggeri al Covid-19, che permetterà di evitare la quarantena obbligatoria a supporto di una riapertura sicura delle frontiere.

IATA però non è la sola realtà a sperimentare questa tecnologia. Anche Commons Project Foundation e il World Economic Forum stanno lavorando alla loro soluzione digitale, ovvero il CommonPass un passaporto digitale in grado di consentire alle autorità aeroportuali di verificare i risultati dei test per il Coronavirus e lo stato delle vaccinazioni di ogni passeggero. Un sistema collegato a diversi sistemi ospedalieri, sanitari e laboratori privati e che diverse compagnie aeree (come United Airlines, Cathay Pacific, JetBlue, Lufthansa, Swiss International Airlines e Virgin Atlantic) hanno iniziato a testare già dal mese di ottobre scorso.

Proprio come il Travel Pass della IATA, anche CommonPass può essere di grande aiuto non solo per ottenere informazioni verificate riguardo alla salute dei passeggeri, ma anche per sostenere i viaggiatori aiutandoli a capire quali sono i requisiti d’ingresso di ogni Paese.

Una sfida, quella dei passaporti digitali, che ha messo in gioco anche diverse aziende tecnologiche come la IBM, per esempio, che ha iniziato a sviluppare un’applicazione, la Digital Health Pass, in grado di personalizzare gli indicatori di cui avranno bisogno le aziende e le sedi aeroportuali, per esempio, per l’ingresso dei passeggeri. Del resto essere chiari e omogenei in questa fase di ripartenza è fondamentale e sarebbe bene offrire standard uniformi in tutto il mondo per evitare di generare confusione.

Il plus dell’applicazione IBM è proprio questo: dare uno strumento unico non solo alle autorità governative, ma anche a società che organizzano eventi sportivi o concerti, per esempio, che potranno beneficiare di questi dati rendendo sicuri i luoghi di svago. In questo modo, facendo un’ipotesi di pura fantasia, un’organizzatore potrebbe rendere sicuro un concerto non solo mantenendo le distanze di sicurezza, ma sapendo anche chi, nella sala, ha effettuato il vaccino o il tampone.

Un’ulteriore applicazione in fase di sviluppo è AOKpass della Camera di commercio internazionale, International Sos e Sgs Group. Simile alle precedenti, questo strumento è destinato anche alle aziende e archivia una copia digitale autenticata della propria cartella medica consentendo così di esibirla per imbarcarsi in aereo o passare una frontiera, quando il test viene richiesto.

I vantaggi di queste applicazioni sono notevoli. Innanzitutto si avrà sempre uno strumento sempre aggiornato e a portata di mano, si potranno evitare code e il sistema sarà tutto più fluido. Di contro, ad oggi non c’è ancora un accordo internazionale che ne preveda l’uso. In questo modo ogni compagnia aerea, ogni Governo o azienda potrebbe richiedere in autonomia un’applicazione diversa, facendo sì che la semplicità venga meno, soprattutto per chi deve viaggiare.

Ad oggi non si sa ancora, poi, se per viaggiare nel 2021 il vaccino sarà obbligatorio, anche se alcune compagnie aeree, come la Delta Air, si sono dette favorevoli all’adozione del vaccino. Di certo la voglia di mettersi in moto sia verso destinazioni esotiche che di recuperare il tempo perso non manca. Non ci resta, dunque, solo che aspettare.

Fonte: SiViaggia.it

Pubblicato in: B&B vicino stadio Gigi Marulla, B&B vicino Stadio San Vito di Cosenza, Eventi a Cosenza, Eventi allo stadio Gigi Marulla, Partite Casalinghe Cosenza Calcio

Calendario Serie B stagione 2020 2021

Da piazza dei Miracoli a Pisa si è alzato il sipario sul campionato di Serie B, con la presentazione del calendario della stagione 2020-21. Il B&B Night & Day di Cosenza (di fronte allo stadio San Vito – Marulla) sarà, come sempre, pronto a ricevere quanti vorranno seguire in trasferta la propria squadra del cuore nella città Bruzia. Non vediamo l’ora di rivedere il pubblico negli stadi e di accogliere nuovamente, a braccia aperte, i rappresentanti delle tifoserie ospiti!

Il calcio d’inizio è stato fissato per il 26 settembre (anzi, il 25 con il consueto anticipo) e si concluderà venerdì 7 maggio 2021 per permettere la disputa dei playoff e dei playout prima del ritiro delle nazionali. Si giocherà anche a Pasquetta, lunedì 5 aprile. Il nuovo calendario conferma anche gli appuntamenti natalizi: si scenderà in campo il 27, il 30 dicembre e il 3 gennaio, poi la sosta e si riprenderà il 16. Come richiesto dai presidenti delle società, sarà rispettata la sosta per le partite delle nazionali anche in virtù dei numerosi giocatori convocati durante questi impegni. Otto i turni infrasettimanali: 20 ottobre; 15, 22 e 30 dicembre 2020; 9 febbraio; 2 e 16 marzo; 20 aprile 2021.

Scarica il Calendario della serie B stagione 2020 – 2021

Pubblicato in: Audiolibri su Cosenza, B&B Night & Day a Cosenza, Bed and breakfast a Cosenza, Eventi a Cosenza

Audiolibri che parlano di Cosenza

undefinedInauguriamo oggi sul sito del B&B Night & Day una nuova sezione interamente dedicata agli audiolibri che parlano della città di Cosenza, dei suoi figli illustri e più in generale della nostra terra di Calabria. Il progetto, assolutamente gratuito e fruibile da chiunque, nasce dalla voglia di portare a conoscenza dei turisti ma, perché no, anche dei nostri conterranei, nozioni ed informazioni utili ad arricchire la propria esperienza di viaggio o semplicemente la propria cultura.

Gli audiolibri potranno essere ascoltati direttamente dalla pagina del sito che abbiamo appositamente realizzato. La sezione verrà, di volta in volta, arricchita di contenuti man mano che riusciremo a reperirli e, l’auspicio è che si riesca a rendere disponibile anche qualche audiolibro in lingua straniera.

Il B&B Night & Day, da sempre cerca di soddisfare le esigenze dei viaggiatori. Molto spesso ci sono state chieste informazioni inerenti la nostra città e, i turisti più attenti, non di rado hanno chiesto in gran numero approfondimenti di natura storica.

Da qui l’idea di realizzare un servizio che possa contribuire a rendere il soggiorno presso la nostra struttura e, più in generale nella città di Cosenza, non solo gradevole ma anche interessante dal punto di vista culturale, d’altronde Cosenza “la dotta” è conosciuta in tutto il mondo anche come l’Atene della Calabria per il suo passato culturale (l’Accademia Cosentina, ad esempio, è una delle primissime accademie fondate in Italia) ed è doveroso divulgare il più possibile ciò che caratterizza la nostra comunità rendendola così speciale.

Pubblicato in: B&B Night & Day a Cosenza, B&B vicino al centro di Cosenza, B&B vicino città dei ragazzi a Cosenza, B&B vicino Mab, B&B vicino stadio Gigi Marulla, B&B vicino Stadio San Vito di Cosenza, Bed and breakfast vicino città dei ragazzi, bed and breakfast vicino Mab, Bed and Breakfast vicino Stadio di Cosenza, Bed and breakfast vicino stazione dei treni a Cosenza, Eventi a Cosenza, Percorsi turistici a Cosenza

Bookcrossing nel B&B Night & Day di Cosenza

Chi almeno una volta non ha ritrovato parte di sé e della sua vita in un libro, brano o racconto. Specchiarcisi, riflettere ed elaborare lo scritto dandogli vita attraverso le nostre emozioni. Il popolo dei bookcrossari fa di più: attraverso un atto d’amore-sacrificio libera il libro, lo lascia andare al suo destino in cerca di altri attori capaci di interpretarlo e farsi a sua volta catturare dalla magia di uno scritto che mai gli apparterrà. É questa in fondo l’essenza del bookcrossing: amare a tal punto un libro da decidere di privarsene per poterlo condividere con sconosciuti di tutte le età, sesso, nazionalità.

Presso la nostra struttura è, da sempre, gradita e incoraggiata la pratica del bookcrossing, al fine di far confluire la passione per la lettura con il desiderio di condividere tale passione anche con gli altri. “Liberare” i libri per permettere agli altri di poterli trovare, leggere e consentire la continuazione del loro “viaggio”. Ciò rende possibile la realizzazione di una biblioteca virtuale in giro per il mondo, senza frontiera alcuna che permette a migliaia di amanti dei libri di venire a conoscenza di testi, di poterne fruire e, con un gesto di “generosità”, permettere anche ad altre persone la condivisione della conoscenza.

In cinque anni di attività sono stati condivisi, o meglio “liberati”, finora circa 30 libri tra i quali citiamo, meramente a titolo esemplificativo: Piccolo mondo antico di Antonio Fogazzaro; Il tailleur grigio di Andrea Camilleri; La città buia di Michael Connelly; Croce e delizia di Luciano De Crescenzo; Il libro selvaggio di Juan Villoro; Novecento di Alessandro Baricco e molti altri.

In camera, sul terrazzo o in cucina sorseggiando un buon caffè, i nostri ospiti hanno trovato il modo di leggere coccolati da un’atmosfera alquanto rilassante e tranquilla che favorisce la concentrazione ed aumenta il piacere di immergersi completamente nei racconti. La passione e il gradimento mostrato verso questo servizio ci ha fatto capire che il lettore migliore non è chi legge più libri, ma chi trova più cose in quello che legge. La sensazione che si ha parlando con ciascuno di loro prima della partenza è che sicuramente questa esperienza sia stata utile e piacevole per arricchire il proprio bagaglio culturale, oltretutto a costo zero.

Pubblicato in: B&B Night & Day a Cosenza, B&B vicino al centro di Cosenza, B&B vicino stadio Gigi Marulla, B&B vicino Stadio San Vito di Cosenza, Bed and breakfast a Cosenza, Bed and breakfast vicino città dei ragazzi, bed and breakfast vicino Mab, Bed and Breakfast vicino Stadio di Cosenza, Bed and breakfast vicino stazione dei treni a Cosenza, Bed and Breakfast vicino stazione di Vaglio Lise, Eventi a Cosenza, Eventi allo stadio Gigi Marulla, Holiday Bond, Percorsi turistici a Cosenza, Soggiornare a Cosenza, Turismo a Cosenza, Viaggio a Cosenza

Holiday Bond per vacanze a Cosenza a basso costo

Holiday BondIl “Covid – 19” ha messo in ginocchio l’intero settore del turismo ma a farne le spese irrimediabilmente è stato il settore extralberghiero, mai neanche citato o preso in considerazione da parte del governo per ciò che attiene una qualsivoglia forma di aiuto economico. Centinaia di migliaia di famiglie che avevano un’unica entrata derivante proprio da questo lavoro non sanno più a che Santo votarsi per far fronte alle esigenze della vita quotidiana. I pochi risparmi messi da parte scarseggiano o sono già del tutto finiti e non di rado ci si rivolge alle associazioni di volontariato per poter mettere in tavola un piatto caldo. Com’è evidente lo Stato ha lasciato da soli moltissimi operatori turistici e, soprattutto quelli che hanno un bed and breakfast senza partita Iva, un esercito di soggetti che evidentemente ha l’obbligo di pagare le tasse ma non di ricevere aiuti per sopravvivere. In un contesto di emergenza totale che interessa la sfera sanitaria così come quella economica e sociale, ho deciso di intraprendere la via dell’emissione degli “Holiday Bond”, uno strumento semplice, replicabile da tutti, che garantisce ai clienti di investire per il futuro garantendosi vacanze a bassissimo costo, ottenendo un risparmio notevole, pari al 40%, assicurando al contempo un po’ di liquidità immediata a chi in questo momento non ha alcuna possibilità di far fronte ad una crisi insormontabile. L’Holiday Bond, acquistabile fino al 15 giugno 2020, da diritto, alla prenotazione di un soggiorno di una notte (o più) per due persone in camera matrimoniale con bagno privato, wi-fi, climatizzazione, TV Color e prima colazione al costo di 30 € cadauno ed ha un controvalore di 50 €. Può essere acquistato (per informazioni più dettagliate basta scrivere a: bebnighteday@libero.it o telefonare al 3278517000) per sé stessi o donato ed è utilizzabile a partire dal termine dell’emergenza sanitaria dovuta al “Covid – 19” e fino al 31/12/2022. Qualora la camera fosse già impegnata si potrà concordare tranquillamente un’altra data per la fruizione del bond all’interno del periodo di validità dello stesso. Un atto d’amore verso il prossimo che tiene conto di un periodo di crisi in cui risparmiare fa comodo a tutti. Questa è l’Italia che aiuta l’Italia. Rialziamoci!

Pubblicato in: B&B Night & Day a Cosenza, B&B vicino al centro di Cosenza, B&B vicino stadio Gigi Marulla, B&B vicino Stadio San Vito di Cosenza, Bed and breakfast a Cosenza, Bed and breakfast vicino città dei ragazzi, Bed and Breakfast vicino Stadio di Cosenza, Bed and breakfast vicino stazione dei treni a Cosenza, Cucina calabrese, Eventi a Cosenza

Sapori di Calabria

 

Cucina calabreseVisitare la Calabria significa anche scoprire i sapori (spesso decisi) che caratterizzano questa bellissima terra, e mangiando nei ristoranti per banchetti calabresi si ha la possibilità di assaggiare alcuni dei piatti e prodotti tipici che fanno parte della cultura e della storia di questa regione.
Anche se molti dei piatti tipici calabresi sono rimasti sostanzialmente invariati nel tempo, e risentono dell’influenza lasciata dai popoli che hanno vissuto in queste lande, dai Greci agli Arabi, la cucina calabrese è famosa nel resto d’Italia (e oltre) per il largo uso di peperoncino, ossia un ingrediente importato solo dopo la scoperta dell’America e quindi meno antico rispetto ad altri ingredienti. E il peperoncino è in effetti molto presente nei piatti calabresi, che sono spesso caratterizzati da gusti decisi e piccanti. È questo il caso della ‘Nduja, ossia un salame tipico calabrese a pasta morbida, e dei bianchetti , chiamati in Calabria Jancumangiari, preparati sott’olio con peperoncino e poi fritti in pastella. Altro sapore molto presente nella cucina calabrese è la cipolla, rigorosamente di Tropea! Il piccolo comune della provincia di Vibo Valentia ha legato indissolubilmente il proprio nome a quello della famosa cipolla rossa, a cui è stato attribuito il marchio di qualità, e che si contraddistingue per la particolare dolcezza. Le cipolle figurano tra gli ingredienti di molti piatti, come le freselle al tonno, tipiche appunto di Tropea. La presenza di sapori molto forti e piccanti nella cucina calabrese può suonare strana e cozzare con le alte temperature raggiunte in estate in questa regione, eppure peperoncino, cipolla e altri sapori forti sono parti costitutive della cucina calabrese.

La cucina calabrese è ovviamente ricca di piatti a base di pesce, dato che si tratta di una delle regioni italiane con la più alta percentuale di zone costiere. Se vi capita di visitare la costa della Calabria, difficilmente entrerete in dei ristoranti per cerimonie calabresi tipici senza che vi vengano proposti deliziosi piatti a base di pesce. Il tonno e il pesce spada sono tra i prodotti ittici più presenti nella tradizione culinaria calabrese, almeno per quanto riguarda il versante tirrenico, mentre sul versante ionico la specialità sono i già citati bianchetti. Da segnalare, tra i piatti a base di pesce, la “sardella”, ossia una pasta cremosa di sarde o bianchetti e arricchita con spezie – e ovviamente peperoncino – che si può spalmare sul pane o usare per condire la pasta.

Non solo pesce però: anche l’offerta di piatti a base di carne (di capra e maiale in primis) è molto ricca in Calabria. Piatti tipici calabresi sono le “frittole”, a base di cotenna e carne di maiale bollite nel grasso del maiale stesso, le costolette d’agnello alla cosentina (con cipolla, pomodori, peperoni e olive verdi), la salsiccia calabrese, l’arcinota soppressata (piccante o dolce), e la pasta con il sugo di maiale e capra.

Tra le verdure più diffuse e impiegate nella cucina calabrese ci sono, oltre alla cipolla, anche le melanzane, le fave, i pomodori e i peperoni, usati per preparare piatti molto gustosi come la parmigiana di melanzane o i pipì chìni (peperoni ripieni).

Articolo a cura di Francesca Tessarollo
Prima Posizione Srl